1. Vai ai contenuti della pagina
  2. Vai al menu principale di navigazione
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai alla fine della pagina

torna in alto

Contenuti della pagina

Dal 18 luglio mostra a Forte Stella

Apre sabato 18 luglio la stagione delle mostre a Forte Stella di Porto Ercole. L’Associazione dei Sardi di Roma “Il Gremio” con il patrocinio del Comune di Monte Argentario presenta la mostra Màlgari Onnis Porrino  : nei colori, l’anima

a cura di Antonio E.M. Giordano.


Màlgari Onnis, pittrice e moglie del compositore sardo Ennio Porrino, che negli anni ’50 scelse, come luogo di ritiro e di studio, l’Argentario al quale dedicò il “Concerto dell’Argentarola” per chitarra e orchestra. Dopo la prematura scomparsa del musicista (1959), l’Argentario continuò a essere fonte d’ispirazione anche per la consorte Màlgari, che da allora vi ha trascorso tutte le sue estati.

Pittrice, scenografa e costumista, Màlgari Onnis nasce nel 1935 a Roma dove si forma, negli anni ’50, al Liceo Artistico di Roma sotto la guida di Walter Lazzaro ed Emilio Greco, poi all’Accademia di Belle Arti con Roberto Melli e Franco Gentilini.

Espone in varie mostre collettive e personali, in particolare nel 1972 alla galleria La porta d’oro di Cagliari, nel 1984 alla Galleria Italarte di Roma e Il colore di Cagliari, nel 1994 al Forte Spagnolo dell’Aquila (nel cui Museo Nazionale d’Abruzzo sono alcune sue opere). Come scenografa e costumista, lavora in teatri italiani ed esteri: Teatro dell’Opera e Teatro Valle di Roma, San Carlo di Napoli, Teatro Massimo di Cagliari, Gran Teatro del Liceo di Barcellona, Teatro dell’Opera di Klagenfurt e altri teatri romani nel campo della lirica e della prosa. Nel 2001 scrive l’autobiografia Ricordaramando.

Hanno scritto di Màlgari noti critici d’arte, docenti universitari e dell’Accademia di Belle Arti, scrittori e poeti: Valerio Mariani, Michele Biancale, Luigi Tallarico, Luciano Luisi, Emilio Greco, Valerio Rivosecchi.  Nei suoi ritratti descrive con mirabile icastica, creando una pittura d’istinto spontanea ma al contempo colta, dominando la tela con una tecnica raffinata, che costruisce con mano sicura un impianto saldo quasi cézanniano di colore ad olio steso a pennello con effetto spatola. Aldilà di ogni sapienza pittorica, comunque, indubbiamente la massima qualità dell’artista è costituita dalla capacità di penetrazione psicologica nel modello ritratto e nella conseguente restituzione della personalità nelle poliedriche sfaccettature dei suoi stati d’animo. 

 

18 – 28 luglio 2020  

orario visite  tutti i giorni dalle ore 17 alle 21

 

Monte Argentario, 14 luglio 2020




torna in alto

Menu di sezione





torna in alto

Fine della pagina