1. Vai ai contenuti della pagina
  2. Vai al menu principale di navigazione
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai alla fine della pagina

torna in alto

Contenuti della pagina

Coronavirus: intervento del sindaco

Questa mattina il sindaco Francesco Borghini è intervenuto con un video messaggio, disponibile on line su questo sito, comunicando alla cittadinanza quanto segue  :

“Ho pensato, alla luce dell’ultimo provvedimento emanato dal Presidente del Consiglio che riguarda l’intero territorio nazionale, di sottolinearne gli elementi più salienti e necessari per contrastare e contenere il diffondersi del virus  COVID 19 più noto come Coronavirus.

Mi pare opportuno iniziare con una prima, buona notizia : la nostra comunità ad ora ha avuto la fortuna di non essere stata contagiata. Non risultano al momento segnalazioni di casi che, ove vi fossero, arriverebbero al sindaco.

Solo su un cittadino, peraltro su nostra sollecitazione, è stato  effettuato il tampone che ha dato un risultato negativo; ho ricevuto la comunicazione di due ordinanze di quarantena cautelativa emesse dai colleghi sindaci di Orbetello e Manciano che riguardano due residenti di Monte Argentario attualmente  domiciliati, appunto, ad Orbetello e a Manciano; ribadisco che si tratta di provvedimenti cautelativi in quanto i soggetti non sono affetti dal virus ma sottoposti ad isolamento domiciliare fiduciario per avere viaggiato o avuto contatti in zone a rischio.

Non bisogna quindi diffondere o inseguire chiacchiere che non hanno ragione di esistere messe in circolazione da irresponsabili e incoscienti, o dai soliti “avvelenatori di pozzi”.

La reale situazione verrà da me comunicata con trasparenza e senso di responsabilità.

-Proprio affinchè questa situazione favorevole permanga ci vuole assoluta attenzione e massimo rigore nel rispetto delle indicazioni che ci arrivano dal Governo e dalle autorità sanitarie, le più significative delle quali ricordo essere :

-E’ vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico

-Occorre evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai territori di residenza, salvo per spostamenti motivati (lavoro – salute)

-E’ consentito il rientro presso la propria abitazione, domicilio, residenza

-Le scuole resteranno chiuse fino alla data di validità del decreto e cioè fino al 3 aprile

-I locali pubblici di bar e ristorazione potranno essere aperti dalle ore 6 alle 18 con obbligo a carico dei gestori di garantire la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione delle attività in caso di violazione

-Nelle altre attività commerciali il gestore dovrà garantire un accesso contingentato e comunque idoneo ad evitare assembramenti, sempre rispettando la distanza di sicurezza.

-Rimarranno chiusi gli impianti sportivi e sospese tutte le competizioni e gli eventi sportivi di ogni ordine e disciplina, così come i musei, la biblioteca, i luoghi della cultura

-Anche le celebrazioni di messe e cerimonie sono sospese

Come si può ben capire è necessaria una particolare attenzione personale per eliminare al più presto le possibilità di contagio di un virus che, se trascurato, può rischiare di mettere in crisi il sistema sanitario.

Ovviamente è possibile uscire a fare la spesa e fare una passeggiata anche con i bambini in posti dove non ci sia assembramento.

Non c’è da preoccuparsi né da farsi travolgere da sbagliate ed inutili psicosi di massa.

Occorre rispettare poche e precise regole che non comportano, per poche settimane, sacrifici insopportabili, ma che sono necessarie.

Stiamo tutti facendo quanto necessario. Già prima che diventasse obbligatoria abbiamo istituito una Centrale operativa che è al servizio della cittadinanza h24. Tra l’altro, la Polizia Municipale sta provvedendo alla distribuzione del nuovo decreto a tutti i pubblici esercizi del nostro Comune come già effettuato nei giorni scorsi.    Ricordo inoltre a chi ha bisogno di aiuto, di rassicurazioni, di informazioni in genere che sono attivi dei numeri di telefono dedicati che trovate sul sito del Comune.   In particolare, la Croce Rossa e la Misericordia si sono rese disponibili per eventuali necessità (spesa, farmaci ecc) verso gli anziani che non hanno aiuti e assistenza in ambito familiare.                                                                                                 Vi ringrazio dell’attenzione e mi scuso per questa intromissione presso le vostre case.”

Monte Argentario, 10 marzo 2020




torna in alto

Menu di sezione





torna in alto

Fine della pagina